REGOLAMENTI F.M.I.

GUIDA FMI COMPLETA 2018

NOVITA' REGOLAMENTO ITALIANO ENDURO 2018 

NOVITA' REGOLAMENTO ENDURO

 

Art. 7 - MOTOCICLI
1°. Le caratteristiche del motociclo partecipante ad una competizione devono corrispondere a quelle previste, dal presente regolamento e al Regolamento Tecnico. 
2°. E’ obbligatorio un cavalletto o stampella fissata in modo permanente al motociclo, che sia in grado di sostenerlo.
3°. Il motociclo deve essere obbligatoriamente munito di targa originale, o come da successivo comma 5°, fissata in modo permanente per tutta la manifestazione. La violazione comporta, nell’ arco di un campionato:
a) alla prima infrazione penalità di 10 secondi
b) alla seconda infrazione penalità di 30 secondi 
c) alla terza infrazione penalità di 60 secondi 
d) alla quarta infrazione esclusione
4°. Non è ammessa la partecipazione di motocicli con targa di prova. 
5°. E’ autorizzata la partecipazione di motocicli che non siano provvisti di targa originale solamente dopo che sia stata presentata una valida denuncia di smarrimento in originale e che sia stato montato sul motociclo una riproduzione della targa con dimensioni pari a quella autentica. 
6°. Nelle gare di due giorni in caso di smarrimento della targa originale durante la prima giornata, si procede come previsto dal comma precedente.

Art. 7.1. - VERIFICHE AMMINISTRATIVE
1°. I C.d.G. F.M.I. preposti verificano:
a) la regolarità dell’iscrizione,
b) i documenti di concorrente / conduttore (licenza), 
c) che cilindrata e assicurazione, corrispondano al libretto di circolazione;
d) la patente di guida. Non è ammessa la partecipazione con autorizzazione per l’esercitazione di guida (foglio rosa). La verifica della patente di guida può essere effettuata anche dal D.d.G. o da un suo incaricato, previo autorizzazione del C.d.G..
2°. Ogni conduttore dichiarerà il n° di telaio del proprio motociclo
3°. In caso di mancanza, irregolarità e/o incongruenze di cui al comma precedente del presente Art., il conduttore non sarà ammesso alla manifestazione. 
4°. L’assicurazione verrà considerata valida non oltre il quindicesimo 
giorno dalla data di scadenza riportata sul contrassegno assicurativo.
5°. Ogni conduttore firmerà il modulo d’iscrizione – elenco degli iscritti ad ogni singola gara a conferma della propria iscrizione


Art. 8 - ZONA DI PARTENZA
La zona di partenza è composta da:

Art. 8.1 – PARCO CHIUSO 
1°. Il parco chiuso è regolato dalle seguenti norme:
a) deve essere ben delimitato e cintato in modo da impedire l’ingresso a tutte le persone non autorizzate ed essere sorvegliato da un numero sufficiente di addetti in modo che nessuno possa entrare; 
b) l’accesso è severamente vietato a tutti, ad eccezione dei membri di Giuria, del Direttore di Gara, dei C.d.G., degli U.d.G. addetti e dei conduttori, nel momento in cui vi si recano per depositare o ritirare il proprio motociclo;
c) nessuno è autorizzato ad entrare in contatto con i motocicli depositati;
d) l’ingresso e l’uscita devono essere chiaramente indicate.
e) gli ufficiali di gara addetti al controllo devono essere riconoscibili da tutti gli interessati ed in particolare dai conduttori;
f) i motocicli depositati nel P.C. dovranno rimanere senza alcun tipo di copertura, con il silenziatore senza nessun tipo di chiusura rimovibile (tappi e altro)
g) dopo aver fatto apporre il tempo sulla propria T.M. al C.O. posto all’ingresso al P.C., ogni conduttore deve, senza indugi, spingere il proprio veicolo, a motore spento all’interno.
h) quando il P.C. non sia nelle immediate vicinanze della zona delle Operazioni Preliminari o della zona di arrivo, è consentito ai conduttori raggiungerlo con il motore in moto entro un tempo limite indicato nel Regolamento Particolare o con un comunicato del Direttore di Gara.
i) al termine della gara i motocicli dei conduttori che la hanno portata a termine, resteranno nel parco chiuso e non potranno essere ritirati prima che siano trascorsi 5 minuti dall’arrivo dell’ultimo concorrente.
j) viene concessa deroga all’ Art. 80.1 punto b) del R.M.M., modificando il termine ultimo di presentazione in “entro l’arrivo dell’ultimo concorrente”;
2°. Nel P.C. è vietato (sanzione l’esclusione):
a) toccare il motociclo di altri conduttori;
b) effettuare riparazione o altri lavori sul proprio motociclo;
c) accendere il motore;
d) fumare;
e) fare rifornimento di carburante ed effettuare riparazioni al motociclo nel tragitto tra il C.O. e il P.C.
3°. In regime di P.C., al di fuori del tempo trascorso sul percorso ed il tempo previsto prima della partenza, i motocicli all’interno del P.C., restano sotto la sorveglianza dell’organizzazione, con le seguenti limitazioni:
a) fino a 30 minuti dopo la partenza teorica dell’ultimo concorrente
b) fino a 30minuti dopo l’arrivo dell’ultimo concorrente
4°. Il regime di Parco Chiuso può essere previsto:
a) dall’ inizio delle O.P. al termine della manifestazione;
b) da 1 ora prima dell’inizio delle partenze al termine della manifestazione;
c) dall’ arrivo del primo concorrente al termine della manifestazione;
d) dall’ inizio delle O.P. al termine delle partenze (al termine della manifestazione si applica quanto previsto dal successivo comma 5°)
e) da 1 ora prima dell’inizio delle partenze al termine delle partenze (al termine della manifestazione si applica quanto previsto dal successivo comma 5°)
5°. Il regime di Parco Chiuso può non essere previsto, nel qual caso: 
a) ogni concorrente è libero di andarsene portando con se il proprio motociclo, dopo aver tagliato il traguardo ed aver sottoposto il motociclo al controllo delle punzonature e se previsto, effettuata la prova fonometrica;
b) un Parco Chiuso di piccole dimensioni dovrà essere comunque previsto dall’organizzazione, per ospitare i motocicli che facciano insorgere qualsiasi sospetto di irregolarità;
c) viene concessa deroga all’ Art. 80.1 punto b) del R.M.M., modificando il termine ultimo di presentazione in “entro l’arrivo del concorrente contro cui si intende esporre il reclamo”;
d) i concorrenti soggetti di reclamo ed i reclamanti, dovranno lasciare i propri motocicli nel piccolo Parco Chiuso predisposto dall'organizzazione.

Art. 8.3 PADDOCK 
1°. Quando si è in presenza di pavimentazioni (asfalto, cemento, porfido, ecc) è assolutamente vietato infiggere picchetti o ganci per il fissaggio delle tende.
2°. Predisporre la raccolta autonoma di rifiuti, oli esausti, copertoni. Non lasciare sacchetti né rifiuti di nessun genere sul posto.
3°. E’ obbligatorio un estintore per ogni mezzo di assistenza nel Paddock e ai CO dove è concesso il rifornimento.
4°. In caso di inosservanza verrà applicata la seguente sanzione:
a) ammenda da 50 € a 500 € 

Art 8.4 – AREA TRAINING 
1° E’ un piccolo fettucciato che serve alla messa a punto dei motocicli ed al riscaldamento dei piloti (con abbigliamento e protezioni previsti) 
2° Deve essere ubicata il più vicino possibile al paddock e sorvegliato dall’organizzazione solamente nelle giornate e negli orari previsti dall’RP.
3° L’accesso è vietato ai non iscritti alla gara.
4° Negli orari d’apertura, deve essere garantito il servizio di ambulanza.


Art. 9 - PERCORSO 
1°. Il percorso di gara ufficiale, deve essere opportunamente segnalato e non deve essere abbandonato per nessun motivo. Esempi di cartelli e frecce utilizzati per la segnalazione devono essere esposti in sede di O.P.
2°. Le distanze ufficiali devono essere considerate esatte. L’errore di percorso non può essere portato come giustificazione per un eventuale ritardo ai C.O., per il mancato passaggio da un C.O. o da un C.T.. 
3°. Il percorso di gara comprende tratti di trasferimento e Prove Speciali.
4°. E’ vietato abbandonare il percorso o transitare in senso contrario. Ai conduttori che non rispetteranno il divieto sarà applicata una delle seguenti sanzioni:
a) penalizzazione fino a un max 5 minuti
b) esclusione
c) ammenda da € 50 a € 500 (qualerimborso danni causati – incassata dal C.d.G. e successivamente girata al moto club organizzatore a cura della F.M.I.)
5°. Il conduttore che non transita a un C.O. o ad un C.P. verrà escluso dall’ordine di arrivo.
6°. La circolazione sul percorso è consentita unicamente a personale dell’organizzazione e ai rappresentanti della giuria. Nel caso meccanici ed accompagnatori (R.M.M. Capitolo XIII Art. 87) vengano sorpresi a circolare in motociclo sul percorso di gara o fuoristrada limitrofo saranno applicate le sanzioni previste dal precedente comma 4°
7°. Sono esclusi dal comma precedente i tratti di libera circolazione e quelli eventualmente autorizzati dalla giuria, o quando non presente dal Direttore di Gara, sui quali è consentito circolare con motocicli in regola con il codice della strada.
8°. La circolazione fuoristrada nei comuni sede del percorso di manifestazione è vietata ai partecipanti nei 15 giorni precedenti la manifestazione, ai trasgressori saranno applicate le sanzione previste dal precedente comma 4°.


Art. 10.2 - TAGLIO DI PERCORSO IN PROVA SPECIALE
1°. Un conduttore che per qualsiasi motivo esca dal tracciato delle prove speciali, dovrà rientrare nello stesso punto in cui è uscito, diversamente incorre in TAGLIO DI PERCORSO
2°. Il fatto che la fettuccia sia strappata e/o il paletto sradicato, non giustifica nessun taglio di percorso.
3°. Il taglio di percorso, secondo la sua gravità e volontarietà potrà essere sanzionato con:
a) taglio involontario che non porti nessun vantaggio in termini di tempo, penalizzazione fino a 30 secondi; 
b) taglio involontario che porti vantaggio in termini di tempo, penalizzazione da 30 secondi a 2 minuti
c) taglio volontario penalizzazione da 2 a 5 minuti 
d) taglio volontario di particolare gravità esclusione

 

REGOLAMENTO ENDURO
PARTE SECONDA
- Campionati Italiani -

 

Art. 19.2 - COPPA ITALIA 
1°. Da disputarsi in abbinamento ai Campionati Assoluti D’Italia. A discrezione della giuria potranno effettuare un giro in meno rispetto agli Assoluti d’Italia.
2°. Classi previste: 
a) Cadetti (con motociclo di qualsiasi cilindrata 2t e 4t)
b) Junior (con motociclo di qualsiasi cilindrata 2t e 4t)
c) Senior (con motociclo di qualsiasi cilindrata 2t e 4t)
d) Major (con motociclo di qualsiasi cilindrata 2t e 4t)

3°. Saranno ammessi conduttori con licenza MINIYOUNG (dopo il compimento del 14° anno) e FUORISTRADA con motocicli fino a 50 cc 2t anche in possesso di titolo di merito, solo su indicazione del Comitato Enduro e/o Settore Tecnico. 
4°. Conduttori ammessi fino al raggiungimento del numero complessivo di 180 conduttori circa, compresi i partecipanti ai Campionati Assoluti D’Italia, il limite potrà essere superato solo con parere favorevole del comitato enduro:
a) con licenza FUORISTRADA esclusi quelli con titolo di merito ASSOLUTI, 
b) con licenza ONE EVENT, 
c) con licenza Amatoriale (limitatamente a licenziati di Moto Club appartenenti alla regione in cui si svolge la gara) 
5°. Ordine di Partenza: verrà stabilito, suddiviso per classe di appartenenza, in base alla classifica di Campionato aggiornata alla prova precedente ed avverrà con il seguente avvicendamento:
a) Classe Cadetti C dal n° 501 
b) Classe Junior J dal n° 601
c) Classe Senior S dal n° 701 
d) Classe Major M dal n° 801 
6°. Il primo della classifica finale di ogni classe avrà il titolo di merito Assoluti per i due anni successivi.
7°. Tasse d’iscrizione: già scontate del 50% (vedi Art. 19 comma 2°)
a) INVIATA AD INIZIO STAGIONE PER TUTTO IL CAMPIONATO
• Euro 60 per ogni giornata di gara 
b) INVIATA AD OGNI SINGOLA GARA
• Euro 80 per ogni giornata di gara 


Art. 19.3 - CAMPIONATO ITALIANO UNDER 23
1°. Titoli Assegnati: 
a) 50 Z anni 98 - 99 – 2000 (al compimento del 14° anno) (fino a 50 cc 2t)
b) 125 Cadetti A anni 96 – 97 - 98 (oltre 50 c.c. - fino a 125 c.c. 2t e 4t) 
c) E1 2t anni dal 91 al 95 (oltre 50 c.c. - fino a 125 c.c.2t)
d) E1 4t anni dal 91 al 96 ( fino a 250cc 4t )
e) E2 anni dal 91 al 96 (da oltre 125 a 250 2t - da oltre 250 a 450 4t )
f) E3 anni dal 91 al 96 (oltre 250 2t - oltre 450 4t)
g) Lady L conduttori di sesso femminile con qualsiasi licenza fuoristrada 
h) squadre A (solamente conduttori appartenenti a classi con almeno 5 conduttori verificati)
i) squadre B (possono far parte anche conduttori facenti parte di squadre A)
2°. Conduttori ammessi: 
a) Con licenza FUORISTRADA, nati dal 2000 al 1991 esclusi i conduttori stranieri
b) Con licenza MINIYOUNG nati nel 2000 dopo il compimento del 14° anno
c) Con licenza ONE EVENT nati dal 2000 al 1991
d) Con licenza Amatoriale nati dal 2000 al 1991 (limitatamente a licenziati di Moto Club appartenenti alla regione in cui si svolge la gara)
3°. I conduttori con licenza ELITE, compresi quelli stranieri, possono partecipare alla gara con classifica separata che non assegna nessun titolo.
4°. Wild Card: a disposizione del Comitato Enduro
5°. Numero massimo: sono ammessi tutti i conduttori iscritti all’intero campionato entro i termini previsti. Nel caso gli iscritti al campionato non arrivino a 300 (compresi senior), verranno accettate iscrizioni fino al raggiungimento di tale numero.
6°. Gara tipo: 
a) Prove Speciali: minimo 25 minuti previsti
b) giro della durata di 120 minuti circa
c) 3 giri 
d) 2 P.S. per giro
e) 2 C.O.
f) apertura paddock 24 ore prima dell’inizio delle O.P.
g) area training aperta dall’inizio delle O.P. con obbligo di ambulanza presente
7°. Ordine di Partenza:in base alla classifica assoluta della gara precedente compresi Senior
a) dal 30° (primo a partire) al 1°classificato (trentesimo a partire). 
b) dal 31° al 100° classificato 
c) conduttori con titolo di merito “assoluti” chehg non rientrano tra i primi cento. 
d) dal 101° all’ultimo classificato
e) conduttori che hanno acquisito punti nel campionato in corso
f) conduttori non classificati iscritti a tutto il campionato
g) rimanenti conduttori
Alla prima prova verranno stilate tre classifiche assolute di categoria (Senior – Junior - Cadetti) considerando i punti conquistati l’anno precedente nel proprio campionato italiano di categoria.
La partenza avverrà dal primo all’ultimo classificato di ogni categoria.
L’inserimento nell’ordine di partenza di piloti Elite e/o Wild Card verrà stabilito dalla giuria.
8°. Numerazione:
a) Alla prima gara dal n°1 in ordine di partenza
b) Alle gare successive:
• dal primo al centesimo in ordine di classifica assoluta della gara precedente
• a seguire in ordine di partenza
• conduttori Elite dal n° 501
9°. Contributo: € 2.500 per ogni manifestazione di 1 giornata. Per eventuali manifestazioni di 2 giornate non è previsto nessun contributo. Il contributo previsto per ogni manifestazione verrà decurtato di € 500 in caso di assenza del moto club organizzatore e/o del Direttore di Gara dalla riunione convocata ad inizio anno tra organizzatori, promoter e comitato enduro
10°. Tasse d’iscrizione già scontate del 50% (vedi Art. 19 comma 2°)
a) INVIATA AD INIZIO STAGIONE PER TUTTO IL CAMPIONATO
• Euro 60 per ogni giornata di gara 
• Euro 60 per ogni manifestazione Squadre A - B
b) INVIATA AD OGNI SINGOLA GARA
• Euro 80 per ogni giornata di gara 
• Euro 80 per ogni gara Squadre A - B 
11°. Montepremi totale € 13.500 così suddivisi:
a) Classi 50 – 125 Cadetti 
• 1° classificato € 2.000
• 2° classificato € 1.500
• 3° classificato € 1.000 
b) Squadre A 
• 1° classificata € 2.000
• 2° classificata € 1.500
• 3° classificata € 1.000


Art. 19.4 - CAMPIONATO ITALIANO SENIOR
1°. Da disputarsi in abbinamento al Campionato Italiano Under 23

2°. Titoli assegnati: 
a) E1 2t anni dal 90 al 81 (oltre 50 - fino a 125 c.c.2t)
b) E1 4t anni dal 90 al 81 (fino a 250cc 4t)
c) E2 anni dal 90 al 81 (da oltre 125 a 250 2t - da oltre 250 a 450 4t ) 
d) E3 anni dal 90 al 81 (oltre 250 2t - oltre 450 4t) 
e) squadre A 
f) squadre B (possono far parte anche conduttori facenti parte di squadre A)
3°. Conduttori ammessi: 
a) con licenza FUORISTRADA nati negli anni dal 90 al 81, esclusi i conduttori stranieri. 
b) Con licenza ONE EVENT nati dal 90 al 81
c) Con licenza Amatoriale nati dal 90 al 81 (limitatamente a licenziati di Moto Club appartenenti alla regione in cui si svolge la gara)
4°. I conduttori con licenza ELITE, compresi quelli stranieri, possono partecipare alla gara con classifica separata che non assegna nessun titolo.
5°. Wild Card: a disposizione del Comitato Enduro
6°. Numero massimo: sono ammessi tutti i conduttori iscritti all’intero campionato entro i termini previsti. Nel caso gli iscritti al campionato non arrivino a 300 (compresi under 23), verranno accettate iscrizioni fino al raggiungimento di tale numero.
7°. Ordine di Partenza:
Vedi Campionato Under 23 (art. 19.3 comma 7°)
8°. Numerazione:
Vedi Campionato Under 23 (art. 19.3 comma 8°)
9°. Tasse d’iscrizione: già scontate del 50% (vedi Art. 19 comma 2°)
a) INVIATA AD INIZIO STAGIONE PER TUTTO IL CAMPIONATO
• Euro 60 per ogni giornata di gara 
• Euro 60 per ogni manifestazione Squadre A - B
b) INVIATA AD OGNI SINGOLA GARA
• Euro 80 per ogni giornata di gara 
• Euro 80 per ogni gara Squadre A - B 


Art. 19.5 - CAMPIONATO ITALIANO MAJOR
1°. Titoli assegnati: 
a) Master 1 - nati dal 80 al 74 – oltre 50 fino 125 2t - fino 250 4t 
b) Master 2 - nati dal 80 al 7

Motoclub Off Road 2000 © 2018 | COOKIES | PRIVACY

Sede legale: Via Uranio 5, 12080 ROBURTENT (CN)

Sede operativa: Via Torino 309, 12063 DOGLIANI (CN)